Storia

Dal 1945 Sempre Avanti

1945 Sempre Avanti

Il Rugby Reggio nasce nel 1945 quando un gruppo di pionieri della palla ovale reggiana fonda la “Sempre Avanti”. Vive sette stagioni tra mille difficoltà, poi nel 1953 deve arrendersi. Ma il seme è gettato e nel 1960, per volontà di alcuni di quegli ex-giocatori, Ovilio Montanari in primis (il padre fondatore di Rugby Reggio scomparso nel marzo 2017 all’età di 92 anni) ridà vita ad una nuova società che muove i primi passi sotto le insegne della U.S. La Torre. E ancora, nel 1970, il volo verso l’effettiva autonomia con la denominazione di Rugby Reggio, quella attuale. Questi 41 anni di campionati consecutivi non sono stati tutte rose e fiori; si sono alternati a momenti di buoni successi, che hanno portato il club agli alti livelli nazionali, altri periodi più opachi. Ma quel che conta è che il Rugby Reggio è andato rafforzandosi di anno in anno sotto il profilo societario, condizione indispensabile per pensare ad un buon futuro, arrivando oggi a contare sulla certezza di un pool di sponsor che crede nella serietà e nei programmi di questa dirigenza. In particolare da tre anni il club porta avanti il progetto Valorugby per mettere in stretto collegamento i giovani atleti con il mondo dell’impresa. Il Rugby Reggio nel giugno 2011 firma una pagina di storia: giocherà in Eccellenza nella stagione 2011/2012. Per la palla ovale reggiana sarà il debutto assoluto nella massima categoria nazionale dove rimarrà per tre stagioni. Nel 2015/2016 la formazione seniores del Rugby Reggio, è stata protagonista di una stagione davvero esaltante che l’ha di nuovo proiettata nell’olimpo del rugby italiano. Il lavoro impostato da uno staff tecncico di qualità ha permesso di creare il giusto mix di giocatori giovani ed esperti, trovando il giusto equilibrio tra entusiasmo e esperienza, agevolando la crescita a livello qualitativo di tutta la rosa. La grande forza della squadra, oltre alla tecnica e alla fiducia in se stessi, è infusa dallo staff tecnico e dirigenziale. Il Rugby Reggio ha dimostrato, con ottimi risultati di credere ed investire nei giovani del territorio, linfa vitale di questa squadra. Nella stagione 2017, Rugby Reggio ha vissuto una stagione tranquilla in Eccellenza, finendo il campionato al settimo posto. Ma grandi soddisfazioni nelle ultime stagioni le abbiamo avute anche fuori dal campo. E’ cresciuto l’interesse di tutta la città, sia degli sportivi che delle aziende, verso il nostro sport e la nostra società. Nella stagione appena iniziata, Rugby Reggio ha già raggiunto due importanti traguardi: dopo due anni di assenza l’under 18 ha riconquistato il campionato nazionale Elite; anche l’under 16, reduce da una stagione sofferta, ha vinto i barrage di settembre mantenendo il proprio posto nel campionato nazionale.

STAGIONI SALIENTI

1980/81 – Serie C vittoria del Titolo di Campione d’Italia. Finale contro Montebelluna vinta 4 – 3 (una meta contro un calcio di punizione) disputata al Battaglini di Rovigo, allenatore Gian Battista Castagnetti attuale vice presidente del club.

1993/94 – promozione in Serie A2. Con Gian Battista Castagnetti sulla panchina la squadra ottiene la prima promozione dalla Serie B in Serie A2, vincendo in finale a Pieve contro i veneti del Frassinelle Rugby guidati da Doro Quaglio.

2000/01 – Promozione in Serie A2.

2005/06 – Promozione in Serie A2

2008/09: Serie C – disputata per scelta perchè il club si è rifondato ed è ripartito dalla C rinunciando alla Serie A, vincendo tutte le gare

2009/10: Serie B , ottiene la promozione in Serie A2 senza sconfitte

2010/11: Serie A2 , vinto tutte le gare e raggiunto i play off promozione (sconfitti dal Calvisano)

2011/12 Eccellenza: esordio assoluto in Eccellenza per il club rossonero, raggiunto il 7° posto

2015/2016: Serie A , vinte quasi tutte le gare di campionato e raggiunto i play off promozione disputati e vinti contro la Capitolina. Conquista del Titolo di Campione Italiano Serie A aggiudicandosi la finale contro il Recco per 33 a 5, il 22 maggio a Viadana.

2016/2017 : ritorno in Eccellenza, grazie alla promozione conquistata sul campo e chiusura del torneo al settimo posto.